Preliminari

I trattamenti preliminari di bonifica, normalizzazione, distensione e rinvenimento in atmosfera grezza vengono eseguiti in impianti flessibili e versatili capaci di trattare particolari ingombranti, di geometrie complesse e realizzati in differenti tipologie di acciai.

Capabilities

Lo scopo principale dei trattamenti di ricottura è quello di ridurre le durezze dell’acciaio per renderne più agevole la lavorazione per asportazione di truciolo, per formatura a freddo e/o modificarne la microstruttura se necessario. L’addolcimento ottenuto con la ricottura è maggiore quando le trasformazioni allotropiche al raffreddamento avvengono in condizioni prossime all’equilibrio.

La conoscenza delle caratteristiche strutturali più idonee per l’acciaio allo stato ricotto quindi riveste un ruolo fondamentale per la corretta scelta del trattamento termico di ricottura tra i cicli eseguibili dal Gruppo Temprasud.

Di seguito la composizione del reparto presente nello stabilimento Unitrat (Bari).

N. 1 linea con caricatrice manuale per trattamento del grezzo di dimensioni (1000 x 2000 x 400mm) composta da:

  • N.1 forno a camera per austenitizzazione grezza;
  • N.1 vasca di tempra in polimero (con possibilità di variare percentuale di polimero per variare drasticità del mezzo temprante);
  • N.1 forno a camera di rinvenimento;
  • N.1 cappa di raffreddamento rapido;
  • N.2 magazzini di stoccaggio materiale in process;

N.1 forno a carro per esecuzione trattamenti di distensioni con dimensioni max 2000 x H2000 x 7000 mm.
N.1 forno a carro per esecuzione trattamenti di distensioni e preriscaldi per raddrizzatura a caldo con dimensioni max 1100x H1000 x 2800 mm.

Trattamenti

Il trattamento termico di ricottura completa dell’acciaio ha lo scopo di ottenere la completa trasformazione della struttura del materiale, ridurre le tensioni residue e conferire le migliori caratteristiche di lavorabilità del materiale alle macchine utensili. Serve inoltre ad aumentare la stabilità dimensionale dei pezzi, specialmente se questi vengono sottoposti successivamente a trattamenti termochimici finali come la cementazione e tempra. La struttura del materiale ottenibile con il trattamento termico di ricottura isotermica è quella di ferrite e perlite lamellare a blocchi. Questo trattamento prevede un riscaldo fino all’austenitizzazione, sopra Ac3 per gli acciai ipoeutettoidici eutettoidici e sopra ad Ac1 per gli ipereutettoidici. Il raffreddamento deve essere lento, prossime alle condizioni di equilibrio. Generalmente in questo processo di raffreddamento il forno si lascia raffreddare inerzialmente.

La ricottura isotermica degli acciai prevede una completa austenitizzazione seguita da una trasformazione dell’austenite a temperatura costante (isotermica), generalmente tra un intervallo di 640 – 720°C.

La ricottura di lavorabilità o subcritica, si propone di ridurre la durezza dell’acciaio per migliorarne la lavorabilità senza modificarne significativamente la struttura. Tale trattamento prevede un riscaldo ad una temperatura inferiore di 10-20° rispetto al valore di AC1 con permanenza correlata al grado di sferodizzazione richiesto a disegno. Maggiore sarà tale grado maggiore sarà il tempo di mantenimento. Raffreddamento libero fino a temperatura ambiente.

La ricottura di distensione ha lo scopo di ridurre, quanto più possibile, le tensioni interne generati da processi pre trattamento (deformazione plastica, saldature, lavorazioni meccaniche) con mantenimento per il tempo necessario a temperatura inferiore ad Ac1. Il gradiente termico di salita e discesa deve essere controllato per evitare di generare ulteriori tensioni.

La normalizzazione consiste nell’austenitizzazione completa a temperatura superiore ad Ac3 o Acm per una durata sufficiente ad ottenere la completa solubilizzazione dell’austenite, seguito da un raffreddamento in aria calma fino a temperatura ambiente. L’obiettivo del trattamento è quello di rigenerare ed affinare il grano del componente.

La bonifica di lavorabilità migliora notevolmente sia la lavorabilità del manufatto all’utensile (ovvero la produzione di trucioli) che la stabilità dimensionale del pezzo successivamente avviato a trattamento termico finale di cementazione, induzione e/o nitrurazione dopo la fase di lavorazione.

La ricottura globulare, conferisce alla cementite una conformazione nettamente sferoidale e una distribuzione uniforme. Si opera con un tempo di riscaldamento molto lungo (circa 30 ore) o oscillando la temperatura di 20-30 °C attorno ad Ac1. La perlite globulare ha una configurazione stabile, in quanto l’energia superficiale diminuisce rispetto alla configurazione lamellare: questo trattamento aumenta quindi la tenacità e duttilità.

Parla
con noi
Uno degli obiettivi fondamentali del Gruppo Temprasud è quello di garantire un elevato livello di Servizio al Cliente in termini di: lead time complessivo, flessibilità e capacità di rispondere ai picchi produttivi
Il nostro servizio è all inclusive